San Martino V. C.. La differenziata comincia a funzionare, dimezzata la quantità di indifferenziata.

In sole tre settimane, è stata dimezzata la quantità di rifiuti indifferenziati, raccolti a San Martino Valle Caudina. Lo scorso 23 di maggio, il cosiddetto sacco nero, aveva fatto segnalare 140 quintali di rifiuti. Ieri,invece, la bilancia ha segnato solo 71 quintali. Questo vuol dire che, i cittadini hanno cominciato fare nel migliore dei modi la raccolta differenziata. Riescono a separare molto bene i rifiuti e nel sacco nero vanno, veramente, quelli che non possono essere riciclati altrove. Un dato che soddisfa molto il sindaco Pasquale Pisano e tutta la sua amministrazione. Secondo il primo cittadino, l’accordo stretto con Irpiniambiente si rivelerà vincente. Con una buona raccolta differenziata, porta a porta, il paese sarà più pulito e, gradualmente, diminuirà anche la tassa su i rifiuti. Bisogna capire che il costo maggiore della tariffa è dato proprio dallo smaltimento dell’indifferenziato. Più si riduce quello che viene messo nel sacco nero e più si paga di meno. Per questo motivo, l’amministrazione comunale di San Martino continuerà nei controlli e, allo stesso tempo potenzierà la campagna di informazione tra i cittadini. Proprio dal fronte dei controlli vengono le migliori notizie. Risultano, infatti, sempre di meno gli errori che si commettono, Non c’è bisogno di lasciare i sacchetti per strada e tutti possono essere smaltiti, Pisano è certissimo che, nelle prossime settimane, il dato dell’indifferenziato scenderà ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*