San Martino V.C. Pregiudicato di San Giorgio a Cremano viaggiava su auto già oggetto di sequestro.

All’alt non si era fermato per ragioni ben precise. Viaggiava su una Seat Ibiza che era stata già posta sotto sequestro ed aveva la patente scaduta. Così, ha pensato bene di eludere i controlli che erano in corso lungo la strada statale Appia, nel territorio del comune di San Martino Valle Caudina, da parte degli agenti di polizia municipale di San Martino Valle Caudina ed Airola. Si tratta del primo servizio associato dei due comuni, dopo che nella giornata di ieri, è partito ufficialmente. Al volante dell’Ibiza c’era un 55enne di San Giorgio A Cremano, con una sfilza di precedenti penali. Il comandante Serafino Mauriello ha subito capito che l’autista della Seat nascondeva qualcosa e ne ha avuto la conferma quando non si è fermato all’alt. Non si è perso d’animo, in quanto sapeva che poco lontano, a distanza di tre chilometri erano impegnati i colleghi del comando di Roccabascerana, diretti dal Antonio Maffei. Così ha subito chiamato il collega che, immediatamente, ha provveduto, con i suoi uomini, ad inquadrare l’auto e a fermarla. Questa volta, il pregiudicato non è potuto fuggire. Dopo qualche minuto è stato raggiunto da Mauriello ed i suoi uomini che gli hanno sequestrato l’auto, sequestrato la patente scaduto e lo hanno deferito in stato di libertà per resistenza. Questa operazione dimostra come sia importante il servizio di polizia locale associato. A breve, infatti, dopo Airola e San Martino, dovrebbero aderire anche i comuni di Forchia, Bonea, Rotondi, Pannarano e Roccabascerana. Chi conosce la conformazione geografica di questo comuni sa bene che in questo modo l’Appia, quasi per intero nel suo tratto caudino, sarebbe monitorata costantemente da un unico comando di polizia locale. Purtroppo, la statale, da sempre, è la strada che porta gente poco raccomandabile nella Valle .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.