San Martino V.C.. Si punta a intercettare i fondi Fesr 2014/2020

Fare in modo di intercettare quanto più possibile dei fondi Fesr 2014/ 2020. Questa è la parola d’ordine dell’amministrazione comunale comunale di San Martino Valle Caudina, guidata dal sindaco Pasquale Pisano. Primo cittadino, assessori e consiglieri, ben consapevoli, della necessità di intercettare i fondi strutturali europei si stanno mobilitando cercando di sfruttare tutte le possibilità. Così, in giunta sono stati già approvati tre preliminari di progetti per essere finanziati con i fondi Fesr. In totale si tratta di fondi per un milione e 685 mila euro e sono a 360 gradi, ma cercano di cogliere una visione di insieme. Quell’insieme che vede San Martino Valle Caudina proporsi come borgo turistico, punta di diamante della Campania interna. Non a caso, i tre progetti ruotano più o meno su questo asse. Quello di 200 mila euro che il sindaco ha seguito insieme al consigliere delegato all’ambiente Beniamino Villanova riguarda le opere di riqualificazione e di individuazione di percorsi turistici, nello specifico di parla di via Murillo. Il progetto di 485 mila euro, invece, viene attentamente curato dal vice sindaco Franco Capuano e dal presidente del consiglio Palerio Abate che ha la delega al patrimonio montano e riguarda la sistemazione del sentiero Italia. Si tratta di un percorso montano che ricade nel territorio del comune di San Martino e pensare alla montagna mentre tutti gli altri l’abbandonano è opera meritoria. Il terzo, invece, ancora più ambizioso riguarda la riqualificazione del borgo antico di San Martino e vale un milione di euro. Su i fondi Fesr si gioca una partita importante per lo sviluppo e San Martino non la vuole perdere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*