San Martino V.C.. Vice sindaco Capuano rinuncia a indennità e dona un defibrillatore al Centro Anziani.

Si fa tanto parlare e sparlare dei costi della politica, ma, nel nostro paese, ci sono tantissimi amministratori che svolgono il proprio ruolo davvero come servizio,. Hanno delle indennità di poche centinaia di euro netti al mese ed alcuni di loro, quei soldi, non li intascano neanche e li mettono a disposizione per le loro comunità. E’ il caso del vice sindaco di San Martino Valle Caudina , Franco Capuano, che ha rinunciato completamente alla sua indennità. Ed i soldi percepiti in questi primi mesi di mandato, ossia, da Giugno a dicembre 2016 andranno al centro anziani di San Martino Valle Caudina. Si tratta di circa 1200 euro, con i quali il centro, molto frequentato, acquisterà un defibrillatore cardiaco. Si tratta, come tutti sanno di uno strumento utilissimo per salvare vite umane. E’ facile da usare, anche se prima bisognerà effettuare un corso, ed è fondamentale nel caso di primo soccorso per arresto cardiaco. Uno strumento davvero necessario per un centro frequentato da persone di una certa età. Non solo, il centro si trova nella sala Unicef che viene usata anche per tante altre svariate attività. Questo vuol dire che il defibrillatore cardiaco sarà utilissimo ed utilizzabile per tutti coloro che frequentano la sala. Ricordiamo che al suo interno si svolgono diverse manifestazioni e spesso anche vari saggi dove sono di scena bambini ed adolescenti. Insomma, si tratta di un dono davvero di una grandissima utilità. Nei prossimi giorni, la giunta effettuerà una variazione al bilancio e la ragioniera del comune emetterà un mandato di pagamento a favore del centro anziani, con il quale verrà acquistato il defibrillatore. Il vice sindaco Capuano, avendo rinunciato all’indennità farà così per tutta la durata del mandato, Volta per volta deciderà a chi indirizzare questi soldi. Del resto, non è affatto nuovo ad iniziative del genere. Anche in passato da assessore ha rinunciato alla indennità per altri enti ad associazioni. Nel 2011 ha donato gli 870 euro di indennità alla confraternita Misericordia, nel 2012 alla parrocchia dei santi Giovanni e Martino Vescovo sono andati i 1700 euro di indennità e la stessa cifra alla stessa parrocchia anche nel 2013. La politica dovrebbe essere servizio, e, magari, i nostri massimi rappresentanti dovrebbero prendere esempio dagli amministratori locali che fanno mille sacrifici ed hanno tantissime responsabilità, solo per rispondere al meglio alle esigenze della comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.