Il San Martino Valle Caudina chiederà ripescaggio in Promozione.

Lo aveva detto subito a caldo dopo la sconfitta nella gara Play Out con l’Ariano, costata, nonostante il pareggio, la retrocessione in prima categoria, il presidente Quirino Bongiovanni, lo conferma il tecnico Mario Lo Iaco, il San Martino è deciso a perseguire la strada dell’eventuale ripescaggio per rimanere nel campionato di Promozione. Parafrasando il protagonista del celebre film “Balla coi lupi “ nel quale il protagonista, un soldato americano, viene rimasto solo a presidiare un avamposto in territorio indiano, il presidente sammartinese Bongiovanni, il tecnico Lo Iaco ed il segretario Pedoto, non hanno alcuna intenzione di mollare, anzi è chiara la oro intenzione di rilanciare. I fatti della stagione appena terminata parlano chiaro, i tre lasciati soli da tutti e da tutto, non hanno alcuna intenzione di lasciare il San Martino nelle mani di chi nei momenti di bisogno ha voltato le spalle, lasciando che il carro corresse per la discesa. Nonostante tutto, nonostante una stagione da solitario, il presidente Bongiovanni ha rispettato tutti gli impegni assunti, anche quelli non presi direttamente da lui, e di cui si dovevano fare carico altri. Alle spalle si lascia un anno difficile non solo per il risultato ma anche per le difficoltà che si sono dovute superare, all’’ostracismo che secondo Bongiovanni la squadra ha dovuto subire a partire dalla disponibilità del “Pignatelli” per gli allenamenti. Al momento San Martino ha il paradosso di avere due squadre in prima categoria, al San Martino retrocesso, si è aggiunto il Città di San Martino allenato da Modestino Savoia che ha vinto invece il torneo di seconda categoria. Un dualismo che non è stato possibile risolvere all’inizio della scorsa stagione quando si tentò di fondere tutto in una unica società, e che certamente continuerà alla luce dei rapporti anche personali che restano abbastanza freddi. Qualche cosa potrebbe scaturire dalle imminenti elezioni amministrative, che vede le partiti su sponde opposte e direttamente impegnate nella contesa elettorale. Sono cose che in un piccolo paese possono accadere, ma è anche auspicabile che si riesca ad avere la maturità necessaria per tenere fuori dalla contesa lo sport, che è una cosa di tutti, appartiene a tutta San Martino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*