San Martino Valle Caudina. Discarica a cielo aperto in pieno centro: la denuncia dei residenti

Una situazione più che spiacevole che dura da un anno. Una vicenda che sta rendendo la vita impossibile ad un nucleo familiare composto da cinque persone, marito, moglie, due figli piccoli e la mamma di lui di 84 anni, da poco operata al cuore. Proprio le condizioni della donna, proprietaria della casa., hanno portato questa famiglia a trasferirsi nella sua abitazione di via Libertà a San Martino Valle Caudina., Un trasferimento effettuato per accudire questa nonna anziana, bisognosa di cure. Purtroppo, però, , le condizioni di vita del nucleo familiare sono diventate impossibili. Un vicino di casa di questa famiglia che, in pratica, ha alcuni locali nello stesso stabile, usa queste stanze per raccogliere ogni tipo di materiale. Nella maggior parte dei casi, come ci ha detto la padrona di casa che si è rivolta a noi, si tratta di rifiuti di ogni genere. La donna non vuole entrare nel merito del motivo per il quale si effettua questa raccolta, ma sottolinea che questo materiale sta rendendo difficili e molto pericolose, da punto di vista igienico- sanitario, la normale convivenza. C’è, infatti, un odore nauseabondo, che si spande per l’intero edificio, in ogni ora del giorno e della notte. . Non solo, purtroppo, i rifiuti richiamano ogni tipo di animale. Per la casa, quindi, si aggirano anche topi abbastanza grandi. La signora è molto preoccupata per la salute dei suoi figli che hanno 8 e 15 anni. In più, questo materiale è stato accumulato anche su un balcone che hanno in comune. Questo vuol dire che quel balcone non può essere utilizzato in alcun modo. La donna si è rivolta ai vigili urbani, ma ancora non c’è stato alcun provvedimento. Visto che si avvicina la stagione calda, forte è la preoccupazione che, nei prossimi mesi, le cose si possano anche aggravare. Insomma, la signora chiede un intervento immediato, per poter vivere in pace, nel giusto decoro e senza pericoli per l’igiene e la salute. Una richiesta sacrosanta, a cui le autorità preposta devono rispondere al più presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.