Scommesse online: smantellata rete, 18 arresti e 64 indagati

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Salerno hanno smantellato una vasta organizzazione criminale che gestiva e amministrava giochi on-line con piattaforme illegali di siti web esteri abusivamente attive in Italia. Su delega della Procura della Repubblica di Salerno – Direzione distrettuale antimafia – sono state eseguite, questa mattina, 18 ordinanze di custodia cautelare (8 in carcere e 10 agli arresti domiciliari). Sessantaquattro le persone indagate. Il gruppo, con sede operativa nell’agro nocerino sarnese, operava sul territorio nazionale ed in particolare in Campania, Basilicata e Calabria. La complessa organizzazione criminale è riconducibile alla famiglia dei Contaldo di Pagani, detti “i caccaviello”. Il principale promotore, Antonio Contaldo, 50 anni, insieme ai fratelli, figli e familiari, gestiva diverse piattaforme e canali “on-line” per la raccolta delle scommesse clandestine e del poker su internet, creandone anche di proprie. A tal fine si ègiovato di collaborazioni con altre organizzazioni operanti in Italia quali quelle riconducibili ai fratelli Tancredi di Potenza e con soggetti contigui a cosche della ‘Ndrangheta calabrese. I siti erano alterati in modo da rendere impossibile per il giocatore effettuare vincite apprezzabili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*