Scoppio bombola nel Salernitano: vittime salgono a due

SONY DSC

Sale a due il bilancio delle vittime per lo scoppio di una bombola di gas in una casa vacanze del Salernitano. Non ce l’ha fatta Maria Grazia Renis, la donna di 36 anni di Rudiano (Brescia) rimasta gravemente ferita nell’esplosione verificatasi nella notte tra domenica e lunedì scorsi in un appartamento, a Battipaglia, in località Lido Lago, sulla fascia costiera della cittadina della Piana del Sele. La donna, morta oggi al Cardarelli di Napoli, al momento della tragedia si trovava in casa insieme al padre, Achille Renis e al figlio diciassettenne Alex Castellano. Dopo essere stati medicati tra i nosocomi di Battipaglia e Salerno, i tre sono stati trasportati al Centro Grandi Ustionati dell’Ospedale Cardarelli di Napoli. Il sessantenne è deceduto ieri, mentre le condizioni del ragazzo, all’inizio apparse molto critiche, sono in leggero miglioramento. La salma della donna è stata posta a disposizione della Procura di Napoli per l’eventuale esame autoptico. I tre (insieme al marito della donna e padre del ragazzo che non si trovava nella cucina quando è divampata la fiammata letale) erano arrivati da Rudiano per trascorrere qualche giorno di vacanza sul litorale battipagliese. I primi ad intervenire e prestare soccorso sono stati i carabinieri della compagnia di Battipaglia, diretti dal maggiore Giuseppe Costa, che hanno seguito le indagini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*