Scuola: Cisl Campania,risultati contro trasferimenti forzati

“Le nostre ripetute sollecitazioni nei confronti della Regione Campania e della Presidenza del Consiglio per dare una risposta concreta alle decine di migliaia di docenti per cui è stato disposto un trasferimento “forzato” fuori regione, hanno prodotto un importante risultato”. Questo il commento del segretario generale della Cisl Campania, Lina Lucci ed del segretario generale della Cisl Scuola Campania, Rosanna Colonna, che accolgono ”con soddisfazione le anticipazioni secondo cui il MIUR avrebbe aperto alla possibilità di far rientrare i docenti interessati da assegnazioni provvisorie attraverso la richiesta di spezzoni orari e, di conseguenza, del ricorso al rapporto di lavoro part time”. “È un primo segnale per i tanti docenti campani che stanno vivendo situazioni di grave disagio familiare ed economico – afferma Lina Lucci – senza considerare le possibili disfunzioni che potrebbe subire l’intero sistema scolastico regionale. Abbiamo chiesto alla politica a tutti i livelli – continua la leader campana della Cisl – un’azione più incisiva e di grande responsabilità che sembra aver finalmente portato ad un primo risultato apprezzabile”. ”Un lavoro di squadra quello ottenuto che ha misurato l’impegno della Cisl scuola Nazionale ed ha visto un contributo responsabile della Regione Campania. La voce delle Regioni del Sud – aggiunge Rosanna Colonna – ha trovato un valido sostegno nell’Assessore Fortini; ma dobbiamo ringraziare anche la Cisl Scuola Nazionale per il suo indispensabile apporto. Il 17 agosto dovremmo avere maggiori dettagli nel corso della videoconferenza programmata dal Miur. Ora ci aspettiamo – conclude Colonna – che venga definitivamente superato il paradosso tutto campano, dove circa 2.000 insegnanti della scuola primaria sono stati chiamati a lasciare classi già formate a fronte di un fabbisogno stimato di oltre 3.000 docenti di ogni ordine e grado e di sostegno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*