Si presenta ai carabinieri Raffaele Cavaiuolo, ricercato per l’inchiesta sul racket dei vitigni.

Nell’ambito delle attività di ricerche tese alla cattura di un ulteriore soggetto destinatario del provvedimento di cui all’articolata indagine, condotta tra i mesi di agosto 2014 ed aprile 2016, finalizzata a far luce sulle attività criminose poste in essere da un gruppo stabile di persone, alcune delle quali già legate al disciolto gruppo criminale dei cd. “solopachesi”, operante nei territori della Valle Telesina sino alla metà degli anni 2000, oggi 9 ago 2017, alle luci dell’alba, in Solopaca (BN), Militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Cerreto Sannita, in esecuzione della Misura Cautelare della Custodia in Carcere, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Benevento, su conforme richiesta e sotto l’alta direzione dei Sostituti Procuratori della sopraccitata Procura della Repubblica, traevano in arresto CAVAIUOLO Raffaele nato a Napoli il 25.01.1960 e residente a Solopaca. L’arresto del suddetto completa l’attività investigativa e l’esecuzione della Misura che ha consentito di far emergere gravi condotte consistenti nell’assoggettamento del racket nel settore vitivinicolo esistente in questo territorio da circa 40 anni, da parte di molti agricoltori della zona, che al fine di evitare danneggiamenti o furti nei propri vigneti con conseguenti perdite del raccolto per circa tre anni, a seguito di intimidazioni indirette da parte degli indagati, accettavano di effettuare il pagamento di circa 400 € ad ettaro annui, accentando quindi una sorta di “guardiania”. Tenuto conto che nel teatro in cui si sono svolti i fatti, il settore agricolo costituisce il propulsore dell’economia, vi sono state perdite per un ammontare di circa duecentomila euro. L’attiva de quo, infine, ha permesso di porre freno alle predette attività illecite ed individuare i soggetti autori dei reati ascritti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*