Si torna a parlare di un’unica provincia irpino-sannita

Alzate di scudi, proteste e minacce di ogni tipo. Così, pochi anni fa, fu accolta la proposta di accorpare le province di Avellino e Benevento. Poi, come succede sempre in Italia, qualsiasi tentativo di riforma, resta sempre nel cassetto. Eppure, quello che non ha fatto lo stato, lo hanno realizzato i sindacati e le associazioni di categoria. Da anni oramai, questo tipo di sodalizi si chiamano Irpinia/Sannio. E, a breve, nascerà anche un’unica camera di commercio. Rispetto a questo, anche la politica rivede la sua posizione. Lo hanno fatto in due momenti diversi, ma nello stesso contesto, i sindaci di Avellino e Benevento, Clemente Mastella e Paolo Foti. Entrambi sono intervenuti al congresso della Cisl Irpinia Sannio che ha riconfermato come segretario generale Mario Melchionna. Sia Mastella che Foti hanno parlato, senza mai nominarsi, della necessità per le due province di trovare una linea comune. E’ la loro posizione geografica che l’impone. Non solo, le caratteristiche sono simili, a tratti speculari, Irpinia e Sannio sono costellati di comuni piccolissimi che si stanno tutti spopolando, hanno una varietà di prodotti enogastronomici,molti di nicchia che dovrebbero essere rilanciati. Proprio legata alla trasformazione di questi prodotti, bisognerebbe rivedere la fase industriale. . Solo trovando una strategia, un percorso comune, si potrà riuscire a mettere in campo azioni concrete e foriere di risultati. Bisogna augurarsi che Mastella e Foti vadano oltre gli annunci e siano in grado di iniziare a costruire questo percorso comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*