Sottoscritto accordo tra Confindustria Benevento e CGIL, CISL e UIL

È stato firmato il protocollo d’intesa tra Confindustria Benevento e Cgil, Cisl e Uil grazie al quale sarà possibile utilizzare il credito d’imposta sulle attività di formazione 4.0 introdotto con la legge di bilancio del 2018 e disciplinato dal decreto ministeriale del 4 maggio 2018. Hanno sottoscritto l’accordo, per la parte sindacale, Rosita Galdiero (CGIL), Mario Melchionna (CISL), Luigi Simeone (UIL), mentre per la parte datoriale, il Presidente di Confindustria Benevento Filippo Liverini. Obiettivo è quello di favorire lo sviluppo e la diffusione sul nostro territorio della formazione sui temi dell’industria 4.0 quale strumento per perseguire la crescita della competitività nelle imprese. Grazie al protocollo anche le imprese prive di rappresentanze sindacali aziendali associate a Confindustria Benevento o che vi conferiscano espresso mandato potranno usufruire di un credito d’imposta pari al 40% del costo aziendale del personale dipendente inserito in un’attività di formazione 4.0 nel periodo agevolato (2018). Il tetto annuo del credito d’imposta riconosciuto ad ogni singola impresa è di 300.000 euro. “L’innovazione a tutti i livelli, e soprattutto all’interno del sistema produttivo rappresenta uno dei principali obiettivi da perseguire per raggiungere standard economici sempre più efficiente e aumentare la produttività delle imprese.” Ha dichiarato Filippo Liverini, Presidente di Confindustria Benevento. “Se consideriamo il livello di digitalizzazione del Paese possiamo notare che è ancora molta la strada da compiere per adeguarci ai livelli di efficienza degli altri partner Europei.” Al fine di raggiungere questo obiettivo è stato varato il piano impresa 4.0 che ha favorito, attraverso una serie di strumenti incentivanti, l’introduzione di macchinari innovativi in grado di favorire la riforma del sistema produttivo. A completamento del piano 4.0 è stato inserito lo strumento del credito d’imposta rivolto alla formazione del personale che potrà, così, adeguarsi ai nuovi standard richiesti dal mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.