Struttura “fatiscente”. Vita di immigrati a Madonna della Salute di Benevento

immigrati-alla-caserma-Alcuni dirigenti della CGIL di Benevento, facente parte dell’Osservatorio provinciale sull’immigrazione, si sono recati in mattinata presso il Centro di accoglienza rifugiati situato in contrada Madonna della Salute del comune capoluogo. I sindacalisti hanno potuto constatare l’inadeguatezza assoluta della soluzione trovata. Tra l’altro: – Si è in presenza di una struttura abitativa di campagna isolata e non facilmente raggiungibile;  certamente non in grado di accogliere una tale quantità di ospiti (più di cento); diciassette/diciotto persone per stanza; s ervizi igienici assolutamente carenti (non di rado si è costretti ad inventare alternative nei campi circostanti);  mancanza di acqua anche non potabile (assenza di allacciamento alla rete idrica). I rappresentanti della CGIL hanno avvertito Questura e stampa che, recatisi sul posto, hanno potuto verificare quanto rilevato. È indispensabile un intervento urgentissimo delle Autorità preposte, a partire dalla Prefettura. La CGIL di Benevento lo scorso 14 settembre ha chiesto al Prefetto di Benevento – senza ancora alcun riscontro – di organizzare un incontro degli Enti Locali, del mondo delle associazioni e delle organizzazioni sindacali confederali, per affrontare il tema di una corretta e civile accoglienza e per favorire la condivisione delle scelte indispensabile per dare civili risposte. Interventi sinergici finalizzati a costruire e favorire le condizioni per una politica civile dell’immigrazione, tra cui l’accoglienza. Bisogna andare oltre ciò che a volte sembra un semplice ma redditizio business per alcune persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*