Telese Riparte interviene sulla ristrutturazione immobile ASL.

“Sulla vicenda dei servizi del Distretto Sanitario di Telese Terme sorprende la dichiarazione dell’ex sindaco Carofano. Carofano dovrebbe dire ai Cittadini di Telese Terme dove è stato dal 2012 ad oggi, allorquando la struttura di Via Cristoforo Colombo è rimasta inesorabilmente in balia della attenzione dell’amministrazione comunale e della dirigenza ASL. Carofano in tutti questi anni non si è accorto che la ASL, per quella struttura, non aveva fatto letteralmente niente ( impegnato come era a cercare di riparare i danni conseguenti alle sue scelte scellerate), così come non si è accorto che i lavori di Via Massarelli proseguivano a rilento o erano addirittura fermi. Fa piacere rilevare che oggi, da ex sindaco, si accorge di queste cose, ringrazia a destra e a manca, ovviamente tralasciando ogni considerazione sul fatto che, in questo lasso di tempo, è stato sindaco del nostro comune e, conseguentemente, aveva tutta l’autorità per compulsare la ASL verso decisioni di interesse generale. Se non lo ha fatto, come è dimostrato, conferma le perplessità e le considerazioni sul suo operato al di sotto della sufficienza. Telese ha perso da quasi cinque anni servizi essenziali e nessuna tardiva iniziativa potrà restituire ai Cittadini i danni che hanno subito. In conclusione sulla responsabilità politica di Carofano non ci sono né dubbi né attenuanti ed è sotto gli occhi di tutti. Detto questo bisogna assolutamente ripartire ed evitare che a danni si aggiungano ulteriori danni. Telese deve riappropriarsi della sua centralità. E’ il momento, anche grazie alla presenza neutrale del Commissario, di azioni condivise, di massima coesione e di convergenza di vedute per restituire al più presto a Telese servizi sanitari efficienti ed adeguati. Il Commissario della ASL, dr. Picker nel programmare la ristrutturazione anche dell’immobile di Via C. Colombo e nel dare impulso ai lavori del Poliambulatorio, ha dimostrato di essere manager capace di assumere scelte efficaci e, sopratutto, di buon senso.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*