Telese Terme, opposizione avvia controlli sulle indennita’.

gianluca acetoTelese Riparte e Telese Bene Comune hanno avviato una serie di controlli sulla quantificazione delle indennità percepite da sindaco, vice-sindaco, assessori e presidente del consiglio comunale. Avanzata formale richiesta affinché i responsabili di servizio sospendano la corresponsione delle indennità in attesa dei dovuti chiarimenti. In maniera del tutto singolare nel nostro comune la spesa per amministratori comunali aumenta anziché diminuire, disattendendo la legge 56/2014 (cosiddetta “Del Rio”). Nonostante i nostri richiami all’opportunità di ridurre le corpose indennità, caduti regolarmente nel vuoto, abbiamo rilevato l’irregolarità degli atti con i quali si è proceduto a determinare le indennità. Nel nostro caso neppure si può parlare di incertezza normativa, laddove sono intervenute una circolare del Ministero dell’Interno dell’aprile 2014 e ben due pareri univoci della Corte dei Conti a delineare istruzioni di calcolo ben precise.
Le illegittimità ci sembrano evidenti: le indennità andavano stabilite dal consiglio e non dal responsabile di servizio e bisognava inoltre procedere al taglio dei costi. Ricordiamo che si è passati, tra il 2013 e il 2015, da € 81.000 a € 110.000. E’ stato invece diminuito il solo gettone dei consiglieri, calato da 16 a 13 euro circa. Un risparmio annuale, quindi, del tutto ipotetico, in quanto legato al numero dei consigli e, comunque, irrilevante (al massimo duecento euro).
Come da noi affermato anche in consiglio comunale, aumenta di circa il 24% la spesa per gli amministratori della giunta Carofano, mentre l’indirizzo normativo degli ultimi anni tende a richiedere sacrifici a tutti i cittadini, intervenendo anche sulle indennità degli amministratori comunali. Tutto questo, in presenza di un livello di tassazione molto alto per IMU, TARI, imposta sul turismo, etc., mentre la spesa sociale, incredibilmente, diminuisce del 19%.
Dopo aver invano invitato il consiglio comunale a sospendere e rinviare la discussione per i dovuti approfondimenti, abbiamo richiesto documenti e delucidazioni agli uffici preposti, affinché si proceda immediatamente ad adottare provvedimenti finalizzati al ripristino della legittimità rispetto ad un tema così importante, chiedendo di sospendere la corresponsione delle indennità e di procedere all’eventuale recupero delle somme indebitamente corrisposte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*