Tesser. la squadra sta bene fisicamente, il problema è di tenuta mentale.

Attilio Tesser  nella prima conferenza stampa dopo il ritorno sulla panchina dell’Avellino, parla di una sfida cruciale in chiave salvezza: domani, alle 15, i biancoverdi sono di scena  al”Piola” di Vercelli per una partita importantissima. Tesser dimostra di avere la consapevolezza che deve fare necessariamente punti. «Sono tornato con le stesse, forti, motivazioni che avevo un mese fa quando lasciai – ha esordito Tesser –. Cercherò di trasmetterle ai miei ragazzi. Si riparte dalla voglia di far bene e dalla consapevolezza che il momento è difficile. C’è poco da parlare, quel che conta è fare risultato. Domani servirà una prova di carattere. È l’unica cosa che posso chiedere dopo 48 ore insieme alla squadra. Dovremo tirare fuori tutti quello che abbiamo, dovremo far vedere che ci siamo, senza alibi o scusanti, anche se è chiaro che la tensione è tanta». Poi non manca una tirata d’orecchie a Dario Marcolin, che più volte aveva puntato il dito sulla condizione fisica in cui aveva ereditato la squadra: «Ognuno ha il suo standard di condizione e a mio avviso la squadra stava bene a livello fisico quando c’ero io. Punto. La penso e mi comporto diversamente da chi mi ha preceduto. Se fosse stato questo il problema, ad Ascoli non avremmo reagito in quel modo. Ritengo piuttosto che sia un problema di tenuta mentale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*