Trasparenza e Appalti Pubblici: Campania anno zero.

Da una parte ci sono le ragioni di onestà, trasparenza e soprattutto la necessità di evitare nuove ruberie al patrimonio pubblico, dall’altra l’urgenza di dover portare a termine lavori di grande importanza per il territorio. Con l’introduzione del nuovo codice degli appalti, i controlli si fanno più rigidi, ci sono meno spazi per le manovre losche, ma si rischia di uno slittamento per l’apertura dei cantieri, per quei lavori che riguardano i comuni. A lanciare l’allarme è il presidente della giunta regionale della Campania, Enzo De Luca, pronto a far crescere di altri trenta milioni di euro, il fondo destinato ai comuni per finanziare la progettazione dei progetti esecutivi. Con l’introduzione del nuovo codice degli appalti, i lavori che superano un milione di euro devono essere messi a gara anche per la progettazione esecutiva e si cancella la clausola della migliore offerta al ribasso. In buona sostanza, i tecnici comunali non potranno più elaborare i progetti esecutivi, guadagnando, come avveniva sino ad oggi, il due per cento. I comuni potranno attingere dal fondo messo a loro disposizione della regione per questo tipo di progettazione esterna, ma dovranno restituire i soldi se non riusciranno a portare a termine i lavori entro i tempi previsti. Per la progettazione esecutiva, però, sono necessari almeno sei mesi, poi questa deve essere approvata da un ente terzo ed, infine, ci vuole almeno un altro anno per aprire il cantiere. Ossia, quasi due anni persi tra carte e bolli. De Luca mette in evidenza che in gioco ci sono le aperture di tanti cantieri necessari per lo sviluppo e la sicurezza, quindi, chiede a Roma, al governo ed anche a Cantone, responsabile dell’autorità anticorruzione, di studiare una normativa meno farraginosa, che possa dare dei tempi più celeri. Ci sembra davvero ragionevole l’appello del presidente della regione, non dimentichiamo, infatti, le diverse emergenze che interessano la nostra Campania. E, se non vengono portati a termine i lavori, si rischia di aumentare la pericolosità. Senza contare che aprire i cantieri, vuol dire assicurare un poco di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*