Tre punti contro il Vicenza per dare un calcio alla…crisi.

Attilio-Tesser-Conferenza-AvellinoDopo la vittoria del Como a Novara, l’Avellino dopo cinque giornate di campionato si ritrova in zona play-out: quintultimi in condominio con l’Ascoli, con soli 4 punti all’attivo. Una conferma della crisi che sta attanagliando i lupi in questo inizio di campionato. Tre sconfitte in cinque partite, tutte in trasferta; una sola vittoria e un pari, non sono quello che tutti avevano sognato alla vigilia del derby con la Salernitana. Le stesse parole del direttore generale Massimiliano Taccone e del presidnete Walter, hanno confermato che all’organico biancoverde manca qualità in fase offensiva. L’aver puntato su Tavano e non su un giovane bomber è stato un errore di valutazione, fatto in buona fede dalla dirigenza, credendo che il bomber ex Empoli potesse ancora incidere positivamente nell’area avversaria. La voglia di riscatto è tangibile. Massimiliano Taccone, ha confermato la fiducia al tecnico Attilio Tesser ed invitato l’ambiente biancoverde a rimanere compatto in vista del prosieguo del campionato. C’è solo da concentrarsi sul campo, dove deve arrivare l’immediato riscatto. Sabato, al “Partenio-Lombardi”, arriva il Vicenza, avversario dei lupi nella gara valevole per la sesta giornata di Serie B. Il Vicenza di Pasquale Marino è una brutta gatta da pelare nonostante le tante assenze e una difesa e un centrocampo da ricostruire. Contro i baincorossi, per l’Avellino e per Tesser sarà una sorta di prova della verità, per capire se questa squadra sarà costretta ad arrancare nelle retrovie o potrà aspirare ad un posto nei piani alti della classifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*