Ucciso davanti al nipotino 16 anni fa, arresti anche a Benevento.

I carabinieri di Caserta hanno fatto luce sull’omicidio di Antonio Bamundo, ucciso 16 anni fa, a 45 anni, sotto gli occhi nel nipotino, che aveva 8 anni, nel suo distributore di carburante lungo la strada provinciale tra Casapesenna e San Marcellino, in provincia di Caserta. I killer fecero rifornimento di benzina e poi spararono all’uomo, sotto gli occhi del piccolo. Bamundo, di 45 anni, era ritenuto affiliato al clan camorristico capeggiato da Vincenzo Zagaria. Dalle prime ore di oggi a Benevento e Milano, i carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta stanno dando esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Dda, nei confronti di tre indagati del clan dei Casalesi accusati di omicidio e detenzione e porto illegale di armi, con l’aggravante del metodo mafioso. L’11 maggio 2000 i sicari, giunti a bordo di un’auto, fecero finta di fare rifornimento di benzina. Subito dopo, però i due spararono contro Bamundo, colpendolo al volto e al torace e fuggendo subito dopo. L’uomo, nato a Giugliano ma residente a San Marcellino, nel Casertano, fu portato all’ospedale di Aversa dove morì poco dopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*