Un Campione…Una Cintura…Per Sempre

Da Patrizio Oliva ad Agostino Cardamone , ad Antonio Perugino, passando attraverso le medaglie olimpiche di Clemente Russo ed Angelo Musone, fino ai titoli europei ed italiani. Il pugilato campano celebra i i suoi campioni dell’ultimo trentennio. Lo fa consegnando 38 cinture di benemerenze nella manifestazione “UN CAMPIONE…UNA CINTURA…PER SEMPRE” in programma all’Hotel Vittoria di Pompei domenica 11 giugno dalle 10.30. La manifestazione promossa dal Comitato Regionale Campano in collaborazione con la Federazione Pugilistica Italiana rientra nell’appendice alla grande festa dello scorso anno per i primi cento anni del pugilato nazionale. Saranno premiati tre campioni mondiali, quattro Europei, diciannove campioni tricolore otre ai maestri Lucio Zurlo, Domenico Brillantino, Raffaele Munno, Mario Santcci e Giuseppe Perugino. “Abbiamo inteso consegnare importanti testimonianze ai nostri attuali atleti – ha spiegato il presidente della FPI Vittorio Lai – per creare ancora di più un legame con gli insegnamenti sportivi e fare in modo che le gesta di questi campioni siano da esempio soprattutto ai più giovani che in questo quadrienni lavora per conquistarsi un ring olimpico”. I premiati si ritroveranno con le circa 60 società sportive pugilistiche della Campania anche per ricordare due grandi personaggi del pugilato regionale, il maestro Geppino Silvestri ed il medagliato olimpico Salvatore Todisco, anche per lo cinture alla memoria. “Guardiamo al passato ma ci prepariamo al futuro – ha spiegato il presidente campano della FPI Alfredo Raininger – tra i premiati ci sono anche valenti pugili in attività come Tommasone, Parrinello, Ceglia, Cipolletta tanto per citarne qualcuno, quindi questa manifestazione realizza un ulteriore anello di quella grande catena che è il pugilato, il nostro pugilato, quello ricco di successi e di testimonianze. Non dimentichiamo che la prima donna pugile italiana alle olimpiadi è campana, Irma Testa. Ed anche il primo pugile professionista che ha partecipato ad un olimpiade, Carmine Tommasone, è avellinese. Queste ed altre soddisfazioni la FPI le vuole condividere con tutte le società della nostra regione in questa importante manifestazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*