Unicef campagna per la malnutrizione 3 e 4 ottobre.

Malnutrizione_locandina_2015Lotta alla povertà e sostegno della sana e corretta alimentazione con la Campagna Nazionale dell’Unicef “Nutrirsi Bene Nutrirsi Tutti”, per sensibilizzare l’opinione pubblica, con la presenza dei volontari in oltre 500 piazze italiane, alla solidarietà e alla lotta alla fame, che decima madri e bambini nei Paesi del Terzo Mondo. Il 3 ed il 4 ottobre, su tutto il territorio nazionale, gli stand con i simpatici “quaderni salvavita”, per educare le nuove generazioni all’uso razionale del cibo, su cui ha acceso i riflettori anche l’EXPO 2015 di Milano. Testimonial della campagna nazionale, il nonno più amato della televisione, Lino Banfi, Goodwill Ambassador Italia dell’UNICEF. Il Comitato Provinciale presieduto da Amalia Benevento, propone un calendario ricco di iniziative. “Domenica 4 ottobre- spiega- saremo al Corso Vittorio Emanuele, davanti alla Chiesa del Rosario, con il kit composto da tre quadernoni, uno a righe, uno a quadretti e un altro con i fogli bianchi. Realizzati da Fabriano, propongono le storie Elfoodz, molto amato dai bambini. La campagna, quindi, promuove pure il diritto allo studio ed il valore della cultura, oltre alla rete di solidarietà, per garantire a tutti i minori, di qualunque nazionalità, gli alimenti indispensabili alla loro sussistenza, con una donazione libera. In città, accanto ai nostri volontari, ci saranno i Vigili del Fuoco ed i rappresentanti dell’Associazione Nazionale dei Vigili del Fuoco. L’UNICEF, inoltre, sarà presente nelle piazze di Forino, Serino, San Potito Ultra, Roccabascerana, Grottaminarda e Sant’Angelo dei Lombardi, grazie anche alla partecipazione degli alunni ed ex allievi del Liceo “Virgilio”, la cui collaborazione è sempre preziosa. Domenica 4, a Grottaminarda, saranno con noi anche i giovani del “Roract Avellino Est” e, a Sant’Angelo dei Lombardi, i membri della Pro Loco “Alta Irpinia”. A Gesualdo, il 7 ottobre, alle 15, al campo sportivo, il torneo di calcio tra Carabinieri, Polizia di Stato e squadre over 40, sia del comune dove visse l’inventore dei madrigali che di Mirabella Eclano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*