Valle Caudina Irpina, perse negli anni otto dirigenze scolastiche.

Le banche chiudono, le scuole si accorpano, le saracinesche si abbassano e le case sono sempre più vuote. E’ la realtà, sempre più triste dei comuni irpini della Valle Caudina. Certamente fanno bene i sindaci di San Martino Valle Caudina e Rotondi, Pasquale Pisano ed Antonio Russo, a difendere, in tutte le sedi, il diritto dei loro paesi ad avere una dirigenza scolastica. Ma, non solo loro, anche gli altri primi cittadini, assessori, consiglieri comunali, politici in genere, forze economiche e sindacali, farebbe ancora meglio se riflettessero e lo facessero seriamente su un altro dato. Nel giro degli ultimi 15 anni, Roccabascerana, San Martino Valle Caudina, Cervinara e Rotondi, hanno perso ben 8 dirigenze scolastiche. Ne erano, in tutto dieci ed ora ne sono rimaste solo due. Quella contesa, che per il prossimo anno scolastico sarà a San Martino, poi il 4 luglio del 2018, il tar deciderà definitivamente e quella monstre di Cervinara. Si tratta, infatti, di una dirigenza che da va dalla scuola dell’infanzia alle superiori. Per spiegare questo, non basta prendercela con i tagli di dirigenze e segreterie che stanno interessando tutte le scuole di Italia. Purtroppo, il dato da tenere presente è un altro. Sono sempre di meno i bimbi che vengono iscritti a scuola e questo perchè le famiglie fanno meno figli o, purtroppo, vanno via. Ed allora, sono giuste e sacrosante tutte le rivendicazioni e le difese dei diritti, ma sarebbe ora che la strisciante desertificazione che sta interessando questi quattro paesi, più di altri nella Valle Caudina, diventasse il primo tema dell’agenda politica, magari già a settembre, quando inizierà una lunghissima campagna elettorale che durerà sino a Febbraio. Sarebbe ora di mettere da parte la difesa del campanile, evitare gli avvocati e dare spazio ad idee e progetti. Solo così, le aule potranno tornare ad essere riempite. Altrimenti, da qui a qualche anno scompariranno tutte le dirigenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*