Valle Caudina: il voto inciderà anche sul piano locale.

Ora c’è da chiedersi se il voto nazionale porterà delle conseguenze sul piano locale. Il movimento cinque stelle ha dilagato ovunque, ma in Campania è di gran lunga il primo partito. Il dato è più che lusinghiero, per non dire trionfale, anche, ad esempio,nella città di Avellino. A questo punto, per come sono andate le cose, appare chiaro che nel prossimo mese di giugno ci sarà un candidato sindaco a cinque stelle che , a suo sostegno avrà tre deputati ed un senatore. Cinque anni fa, il movimento si stava ancora strutturando e pur se aveva appena eletto un deputato, ossia, il riconfermato Carlo Sibilia decise di non prendere parte alle comunali del capoluogo della provincia. Le cose ora saranno diverse ed anche nella prossima competizione se ne potrebbero vedere delle belle. Naturalmente, è ancora presto per fare nomi visto che la macchina è appena partita. Sul piano locale, però, gli attivisti e gli elettori chiedono un impegno anche nella gestione quotidiana della cosa pubblica. Lo stesso valer anche per gli altri centri piccoli e grandi della nostra regione. Per non andare troppo lontano, a giugno si torna alle urne anche a Montesarchio. Sino ad oggi, in Valle Caudina, solo alle elezioni comunali di Airola, era stata presentata una lista pentastellata che ha eletto al consiglio comunale Bartolomeo Laudando. Le cose ora, però, sono destinate a cambiare e lo si vedrà già nella primavera elettorale di Montesarchio. Da segnalare anche un’altra questione che, invece, riguarda Cervinara. Nel centro caudino un assessore in carica Raffaella Cioffi e due consiglieri di minoranza Veronica Spiotta e Massimo Marra si sono schierati apertamente per il Movimento Cinque Stelle. Anche questo è un dato politico sul quale è necessaria una riflessione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.