Venerdì Altrabenevento presenterà il 3^ Dossier su questo scandaloso servizio.

altrabeneventoOggi si è riunito un tavolo di lavoro per fare il punto sulle denunce di Altrabenevento in merito alla presenza di amianto sul tetto del capannone dove sono ubicate le cucine nelle quali si preparano i pasti per la mensa scolastica di Benevento. Il comandante Moschella, dimenticando di non essere più dirigente del Settore Servizi al Cittadino ha dichiarato a Gazzetta di Benevento (naturalmente) che “tutto è a posto” nel senso che dalle certificazioni private risulta, secondo la sua lettura, che in quella struttura non c’è amianto. Moschella evidentemente non ha letto gli esami di marzo scorso effettuati su incarico della Ristorò da un laboratorio privato che ha registrato con apposite apparecchiature la presenza di 1.500 fibre di amianto disperse dinanzi a quelle cucine. Per questo motivo gli altri dirigenti e funzionari comunali presenti alla riunione di oggi non hanno espresso la stessa convinzione di Moschella al punto che il sindaco ha disposto per domani mattina un sopralluogo congiunto dei tecnici e funzionari dell’ARPAC, della ASL, della Polizia Municipale, dei Settori comunali Opere Pubbliche e Servizi al Cittadino. Il corteo così composto domani certificherà la presenza di cemento-amianto da tempo accertata ma subito dopo ci deve spiegare perchè ci sono volute le denunce di Altrabenevento per schiodarli dalle sedie. Eppure l’ARPAC aveva indicato in un apposito verbale del 23 gennaio 2015 la necessità di acquisire da parte della Ristorò perizie e documenti per escludere la presenza del pericoloso minerale. Perchè per un anno questa verifica non è stata fatta? Ricorrono gli estremi del reato di omissione previsto dall’articolo 328 del Codice penale? Torneremo su questa questione Venerdì 5 gennaio, con una conferenza stampa alle ore 10,30 nella sala Consiliare di Palazzo Mosti per presentare il terzo dossier sulla mensa scolastica che in particolare riguarda: la illegittima aggiudicazione del servizio alla cooperativa Quadrelle 2001; il costo anomalo; il centro di cottura non idoneo; le violazioni contrattuali; il servizio nelle scuole non conforme alle norme igienico sanitario; il ruolo, le responsabilità e le incompatibilità della Commissione Mensa; la funzione degli insegnanti durante la consumazione del pasto; il centro di cottura comunale e lo scodellamento nelle scuole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.