Vertenza Moccia: ritirare immediatamente i licenziamenti e aprire un tavolo regionale.

Ritirare, immediatamente, i licenziamenti per poi aprire una vertenza con la regione Campania. E’ questa la richiesta del consiglio comunale di Montesarchio che, ieri sera, si è riunito, in una seduta aperta e straordinaria, per affrontare la difficile questione dell’azienda Moccia. Ma, se entro lunedì 22 ottobre non verranno ritirati i licenziamenti, gli operai, assistiti dalle organizzazioni sindacali, impugneranno i provvedimenti davanti all’ufficio del lavoro e poi in tribunale. Oltre alle vie legali, però, continuerà il presidio davanti all’azienda per impedire che escano i camion con il materiale già venduto. Tre giorni di tempo, quindi, per tornare su un provvedimento che ha decretato la fine dello stabilimento di via Benevento, almeno, così come lo conosciamo oggi. I lavoratori, infatti, hanno il sospetto che la Moccia, come già sta facendo altrove, intende diversificare la sua attività effettuando delle speculazioni edilizie. I 36 lavoratori licenziati, nella serata di ieri, hanno avuto l’abbraccio dell’intera comunità. Montesarchio si è già schierata con loro. Del resto, in queste due settimane di presidio, i cittadini, spontaneamente, portano a quegli uomini in lotta generi di prima necessità e soprattutto l’incitamento a non mollare. Così, forti della solidarietà di tutto il paese, gli ex dipendenti se dovesse continuare il muro contro muro, sono pronti anche ad alzare il livello di lotta, magari bloccando la strada statale Appia. Nel corso dei lavori del consiglio, è stato anche sottolineato che gran parte della fortuna dell’azienda la si deve proprio alla cava di argilla di località Tora. Così, ora la richiesta dei lavoratori, fatta propria anche dal consiglio è che l’azienda possa restituire un poco di quella fortuna al territorio La richiesta resta sempre quella di dichiarare la cassa integrazione straordinaria per capire se c’è un imprenditore interessato a rilevare la società. A quanto pare, però, la Moccia non è intenzionato a cedere lo stabilimento, probabilmente, ne vuole vuole fare qualcosa di diverso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.